copertina

Magazine mostra

Seleziona un articolo dalla lista sottostante o clicca qui per tornare all'archivio.

Rimini Trade Fair n. 26 - Marzo 2007

All'interno del magazine:


BEN ARRIVATA KEY ENERGY
Si amplia la vetrina del business verde di Rimini Fiera. Dal 2007, una nuova manifestazione su fonti rinnovabili, mobilità sostenibile ed efficienza energetica va ad aggiungersi a Ecomondo e RI3. E Gianni Silvestrini ne presiede il comitato scientifico.

di Cesare Trevisani

Rimini Fiera vetrina del business verde. La crescita ed il consolidamento di Ecomondo consentono ora di guardare avanti con nuovi progetti espositivi. Dopo RI3, salone dedicato alla rigenerazione di supporti di stampa, sempre in contemporanea ad Ecomondo (7-10 novembre 2007) nel 2007 debutterà KEY ENERGY, una manifestazione che pone al centro dell´attenzione di operatori, industrie, istituzioni e centri di ricerca il tema della sostenibilità energetica e la ricerca di nuove forme di energia a basso impatto ambientale. Temi di stretto interesse anche per tutto il pubblico fedele all´appuntamento di Rimini Fiera, 52.595 visitatori nel 2006. KEY ENERGY eredita quindi il successo della sezione Energia di Ecomondo e ne consolida l´esposizione con una prospettiva di sviluppo molto interessante.
La manifestazione nasce nel momento dell´avvio del conteggio delle emissioni di gas serra, nell´ambito delle politiche volute dall´Unione Europea per il rispetto del protocollo di Kyoto, e a un anno di distanza dall´entrata in vigore delle agevolazioni previste dalla Finanziaria e dal Conto Energia.

A guidare il comitato scientifico di KEY ENERGY è Gianni Silvestrini, presidente del Kyoto Club.

´La necessità di dare una risposta integrata alle emergenze ambientali – spiega Silvestrini - è sempre più forte. Per questo nasce KEY ENERGY, una manifestazione in grado di fornire strumenti adeguati a supporto delle politiche energetiche attraverso un focus specifico sulle fonti rinnovabili, l´efficienza energetica e la mobilità sostenibile´.

Sulle rinnovabili qual è la situazione?
´Lo sviluppo delle energie verdi – continua Silvestrini - è a un punto critico. L´eolico, arrivato dignitosamente a superare i 2.000 MW, potrebbe espandere di 3-4 volte la potenza installata. La filiera delle biomasse, grazie all´introduzione di coltivazioni ad alta resa, potrà finalmente svolgere un ruolo importante con prodotti nazionali impianti facendo salire a 3-4.000 MW la cogenerazione di piccola scala. Perchè questi obiettivi vengano raggiunti occorre rivedere l´attuale meccanismo dei certificati verdi differenziandolo per tecnologie e innalzando l´obbligo per i produttori elettrici. Il mondo dell´agricoltura potrà svolgere un ruolo di primo piano nei prossimi anni. Il rilancio delle rinnovabili rappresenterà infatti un formidabile strumento di diversificazione delle attività nei campi. Positivo il decreto sul fotovoltaico in dirittura d´arrivo, che traccia un percorso ambizioso e sostenibile di crescita del solare, con un raddoppio dell´obiettivo al 2015 portato a 2.000 MW. L´obbligo del solare termico nella nuova edilizia e le incentivazioni sull´esistente potrebbero portare a un ritmo annuo di installazioni di mezzo milione di metri quadrati, mentre il nuovo conto energia pone le basi per un ruolo di punta dell´Italia in una tecnologia strategica sul lungo periodo.
Resta poi il capitolo dei biocarburanti, una scelta sempre più sostenuta a livello internazionale sia per la crisi dell´agricoltura che per la necessità di ridurre la dipendenza petrolifera. Anche in questo campo andranno fatte le scelte giuste di valorizzazione delle coltivazioni energetiche nazionali considerando l´intero ciclo di vita, l´uso dell´acqua, l´impatto sul paesaggio.
Come è ovvio non basta però creare una forte domanda di energia verde, ma vanno individuate adeguate misure di agevolazione per attirare capitali e competenze per creare una forte industria per la produzione di queste tecnologie´.


CHI È GIANNI SILVESTRINI
Gianni Silvestrini è Vicepresidente internazionale di Eurosolar ed è l´unico italiano a far parte del Comitato direttivo della Piattaforma europea del solare fotovoltaico. E´ Direttore Scientifico del Kyoto Club.
Dal 2004 svolge attività didattica presso il Politecnico di Milano, nell´ambito dei corsi della sede di Piacenza, segue i dottorati di ricerca e dirige il Master Ridef Energia per Kyoto (energie rinnovabili, decentramento, efficienza energetica). Dal 1997 al 2000 ha fatto parte della Commissione tecnico scientifica del Ministero dell´Ambiente in qualità di consulente del Ministro nel campo energetico e della mobilità. Fino al 2002 è stato Direttore Generale del Servizio Inquinamento e Rischi Industriali del Ministero dell´Ambiente. È coautore di numerose pubblicazioni scientifiche e di libri.

Immagini